Al Presidente per conoscenza Atti

Berlino, li 13 luglio 1938

8/ S/S-K

Al

Reichsfuhrer-SS

Heinrich Himmler

Berlino SW 11

Prinz Albrecht-Strasse 8

Oggetto: Presa di posizione a riguardo delle conferenze del Barone Evola

Il Barone E vola ha tenuto tre conferenze sui seguenti temi:

“La dottrina aria della guerra santa”

“Il Graal come mistero nordico”

“Le armi della guerra occulta”

Vi hanno preso parte i seguenti membri dell’Ahnenerbe

SS-Haupsturmruhrer Sievers

Dr. Plassmann

SS Bauer, studente di Lettere

K.K.A. Ruppel

SS-aspirante Dr. Mischke

A riassunto delle impressioni riportate Le comunico:

Dal nostro punto di vista la posizione di Evola è da ritenere in generale positiva. Evola, come già emerge dai suoi precedenti discorsi, considera compito supremo di Roma e dell’Italia essere l’avanguardia della fede solare nordica nel mondo mediterraneo, per taluni aspetti estraneo e diverso. I realizzatori di tali impresa egli li definisce genericamente “Arii”, intende in questo modo evidentemente qualcosa di affine agli indogermani dal punto di vista razziale. Queste forze arie della luce si devono riunire, in una sorta di ordine o di lega segreta per conservare nel mondo una certa istanza superiore. Questa concezione, considerata dal punto di vista degli italiani, non potrà mai andare d’accordo con la concezione tedesca che è sostanzialmente condizionata dall’elemento volkisch. Dal punto di vista storico egli vede incarnata questa idea nel medioevo ghibellino. Più questa dottrina vorrebbe essere precisa, più essa va incontro a difficoltà oggettive nel momento in cui si cerca di attuarla. Evola non mostra di avere completa fiducia nei confronti delle forze politiche reali e così ha potuto in buona fede entrare in confidenza con gli orientamenti che solo apparentemente rappresentavano queste idee. Esse in realtà infatti o avevano una posizione ostile al pensiero volkisch(Othmar Spann), o non possedevano alcuna propria dinamica politica (Goga). Se si tenta di organizzare una tale dottrina, subito si manifesta il pericolo di un certo cosmopolitismo ideale che potrebbe portare ad alcuni effetti imprevedibili.

Per tali ragioni non è consigliabile affidare ad Evola un apparato propagandistico e dargli un tale ruolo; ancora di più perché egli va pienamente d’accordo con le forze principali dell’Italia di oggi. Viene invece ritenuto opportuno, secondo il parere dell’SS-Sturmbannfiihrer Wiist (2), il quale già in precedenza ha parlato con Evola, di restare in rapporti regolari con lo scrittore italiano che in ogni caso rappresenta un fenomeno spirituale degno di nota, di incitarlo e, in caso di necessità, di moderarlo, per quanto tale cosa sia possibile. Quanto tutto ciò possa avere efficacia alla lunga e quanto possa essere inserito in un vasto progetto politico, potrà essere verificato solo dopo un certo tempo, attraverso l’osservazione della maturazione del suo pensiero.

(firma illeggibile) SS-Haupsturmfuhrer

FONTE:http://www.thule-italia.net/recensioni/evolaanhenerbe.html

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...