È una vicenda davvero interessante questa, rivelata da Padre Gumpei, relatore da trent’anni della causa di beatificazione di Pio XII. Gumpei avrebbe appreso il fatto durante l’istruttoria canonica, raccogliendo le testimonianze di chi visse accanto a Papa Pacelli.

Sebbene il gesto papale di esorcizzare “a distanza” non fosse conforme all’uso, Pio XII invocò Dio «affinché liberasse questa persona (Hitler) dall’impulso diabolico che subiva e in base al quale agiva». Sembrerebbe così avvalorata latesi di coloro che per anni hanno giudicato il silenzio del Papa come un’abile mossa politica che aveva il solo scopo di non peggiorare ulteriormente la situazione internazionale.

L’ultimo atto pubblico del Papa risale infatti al 20 ottobre 1939 quandocondannò con l’enciclica Summi Pontificatus l’invasione della Polonia ad opera di Hitler. Neppure in occasione della tragica rappresaglia tedesca a Roma, dopo l’attentato di via Rasella che portò all’eccidio delle fosse Ardeatine il 25 marzo 1944, il Santo Padre ritenne utile interrompere il silenzio.

E questo non gli fu mai perdonato, né da coloro che vissero direttamente o indirettamente il massacro, né da chi in seguito diede la vita per liberare lapatria dalla dittatura.

FONTE E ARTICOLO COMPLETO:http://news2000.libero.it/webmagazine/11084.jhtml

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...